Analisi Non Lineare

L’analisi statica lineare rappresenta il primo gradino nella scala di complessità di una attività di calcolo agli elementi finiti ed è un valido strumento di validazione preliminare.

Spesso però accade che per comprendere a fondo il comportamento di una macchina e riuscire a coglierne le reali modalità di funzionamento, sia necessario tenere in conto di fenomeni che richiedono l’abbandono dell’ipotesi di linearità, come il contatto tra le parti, la plasticizzazione, il post-buckling.

Puoi approfondire questo argomento attraverso il nostro eBook gratuito “Quando l’analisi diventa non lineare”, che ha superato la quota dei 1000 download!
In questi video trovi esempi di analisi analisi FEM non Lineare realizzati con Simcenter Femap.

Le non linearità geometriche e gli effetti dei grandi spostamenti

Una delle ipotesi alla base del calcolo lineare è quella delle piccole deformazioni, secondo la quale calcolo delle sollecitazioni può essere sulla geometria della configurazione indeformata.

Il comportamento non lineare del materiale nelle analisi FEM

Spesso l’ipotesi di materiale con caratteristiche elastiche lineari può risultare inadeguata per modellare correttamente il fenomeno meccanico che si vuole simulare agli elementi finiti.

La modellazione del contatto nelle analisi FEM

La maggior parte dei prodotti è costituito da assiemi di componenti, che interagiscono tra di loro scambiandosi forze di contatto sulle superfici accoppiate.

Analisi FEM Non-Lineare dei Recipienti in Pressione

In questo webinar di 30 minuti confronteremo l’approccio lineare con quello non-lineare attraverso un caso di studio reale.

Webinar